Preghiera Comunitaria

Il Messaggio è molto “diretto”, non richiede di essere spiegato ma solamente letto, riletto e fatto leggere. In parrocchia potrà essere ben pubblicizzato attraverso la stampa in formato agile e la diffusione il più possibile capillare e mirata: sarebbe bello che il Parroco e il Responsabile della Caritas locale potessero consegnarlo personalmente e con una parola di incentivo alla lettura (magari in occasione di una delle prime riunioni comunitarie) a ciascuno dei membri della Caritas, della San Vincenzo, del Consiglio pastorale, del Consiglio affari economici, del Consiglio dell’Oratorio, del Direttivo della Società sportiva, del Gruppo missionario, del Gruppo liturgico, delle Associazioni (AC, Scout, Acli…), agli educatori, ai catechisti, ai vari Gruppi di preghiera, agli altri gruppi… Per far sentire concretamente che nessuno può sentirsi esonerato dalla preoccupazione per i poveri e per la giustizia sociale: è questo lo spirito del Messaggio che semplicemente ribadisce l’intento che Papa Francesco esprime continuamente e a tutti nella sua missione pastorale.